Chutney

Originario dell’India, il chutney è stato importato in Europa nel XVII secolo. La parola chutney deriva dal termine Hindi chaṭnī, “mangiare con appetito”. In India, la tradizione vuole che gli ingredienti vengano schiacciati tutti insieme per formare un composto unico.

Se da noi è ancora poco utilizzato, è entrato invece a pieno diritto nella tradizione culinaria anglosassone. Anche i francesi ne fanno largo uso come salsa d’accompagnamento agrodolce a formaggi, carni e appetizer vari.

Servono come condimento per i piatti principali, che siano a base di carne o di riso, e per le verdure. Il chutney contiene verdure e/o frutta e un misto di spezie, tra le quali chiodi di garofano, aglio, coriandolo, senape, cannella, zenzero, pepe di cayenna, tamarindo e menta.
In alcuni casi, durante la preparazione, si tostano per alcuni minuti le spezie in modo da far loro aromatizzare gli altri ingredienti. L’aggiunta di zucchero e aceto gli conferisce un sapore agrodolce, ma la prevalenza degli uni o degli altri elementi fa sì che esistano chutney salati e chutney dolci.
Noi li abbiamo rivisitati in chiave mediterranea, alleggerendo la forza delle spezie contenute.
  • Amal

    Amal

    Chutney di cipolle, mele e zenzero

  • Hari

    Hari

    Chutney di peperoni e semi di senape

  • Maya

    Maya

    Chutney di carote e cumino

  • Salman

    Salman

    Chutney di zucca, cannella e peperoncino

  • Samir

    Samir

    Chutney di cavolfiore e peperoncino

Ti raccontiamo

Scrivici per avere più informazioni
sui nostri chutney
Marmellata

PROSEGUI E SCOPRI LE NOSTRE COMPOSTE, LE MARMELLATE E LE CONFETTURE

TORNA ALLE GIARDINIERE

Giardiniera in homepage